Wednesday, November 19, 2008

Le basi del potere



L'intervento in aula dei Vostri colleghi Angelo e Grazia ha affrontato il tema del potere, analizzato da molteplici punti di vista. Il potere come variabile organizzativa; il rapporto fra potere e contratto psicologico; la differenza fra potere e autorità legittima. Rispondiamo a questi due quesiti.

1) Come definireste il potere? Come lo definisce, ad esempio, un buon dizionario della Lingua Italiana?

2) Quali sono le diverse "basi" su cui si fonda l'uso del potere all'interno di un'organizzazione?

2 comments:

claudia nisi said...

Il potere è la facoltà che è in noi o che ci è stata data da altri di fare qualcosa
con valore particolare, potenza, virtù;é la capacità di influire in modo più o meno decisivo su qualcuno o qualcosa; è controllo, padronanza,dominio su qualcuno o qualcosa.
Le basi su cui si fonda il potere all'interno di un' azienda sono:1) il ruolo, cioè l'individuo si impone grazie alla posizione gerarchica che ricopre;2) disponibilità di risorse: se non si hanno risorse o mezzi disponibili, si sarà costretti a chiederle a qualcun altro "dipendendo" così da quest' ultimo; 3)l'esperienza ,le conoscenze di una determinata materia e le abilità fanno sì che l'individuo non sia solo utile ma indispensabile per l' azienda che dipenderà da lui e ne sarà quindi influenzata; 4) le informazioni che sono indispensabili per risolvere problemi, prendere decisioni, risolvere conflitti; 5) le relazioni sociali: si può avere più potere perchè si appartiene ad un particolare gruppo sociale e perchè si hanno capacità di sviluppare contatti; 6) il carisma grazie al quale si ha una forte capacità di attrarre gli altri che si identificheranno così tanto nell'influenzatore da diventarne "seguaci" generando nei suoi confronti fiducia, coinvolgimento, obbedienza e totale impegno; 7) la ricompensa altrui
sulla quale un individuo può avere un grande controllo che aumenta all'aumentare del desiderio di queste ricompense; 8) la coercizione, ossia il potere di influenzare l' altro attraverso una minaccia o una punizione; 9)l' immagine e quindi la bellezza: in molte situazioni lavorative può capitare che collaboratori uomini siano più propensi ad obbedire ad un capo donna, ammaliati magari dal suo fascino ( opinione personale!).

M.Fiamingo said...

A queste basi aggiungerei la comunicazione,in termini di manipolazione di questa per influenzare qualcuno e quindi un punto di vista diverso rispetto a quello elencato da claudia nisi quando parla di 'informazioni'. E poi aggiungerei anche come base di potere lo status,cioè l'idea di un individuo che hanno altri soggetti.