Tuesday, October 21, 2008

Capire il cervello

Guardate questo video pubblicato su You Tube: http://it.youtube.com/watch?v=lsHB55ppSv4

9 comments:

Annamaria said...

http://www.google.it/press/20071210_placetoworknomination.html

M.Fiamingo said...

Mi da "pagina non trovata"

D.Rannone said...

anche a me

Annamaria said...

scusate ragazzi se rispondo solo ora. Intanto vi informo che ho sbagliato ad inserire il link qui perchè fa riferimento ad un argomento diverso da quello indicato nel link principale "capire il cervello". Avevo sentito dire che google ha creato ambienti di lavoro che focalizzano l'attenzione proprio sui dipendenti e, cercandoinformazioni a riguardo, ho trovato questo link.. se non si visualizza provate a scrivere sul motore di ricerca "ambiente di lavoro google" e cliccate sul 7°link che compare. ciao

Rosario Faraci said...

In effetti, il commento di Annamaria non riguarda il funzionamento del cervello. Affronta un argomento di cui parleremo in seguito, ovvero il benessere organizzativo. Invito Annamaria a farsi carico, fin d'ora, di rappresentare il caso in aula quando affronteremo il tema.

S.Ribis said...

buongiorno a tutti, ad essere sincera mi viene un pò difficile riuscire a lasciare un commento che possa esprimere il mio pensiero sul filmato che lei professore ci ha invitato a vedere..l'unica cosa che posso dire è che la parte che mi ha lasciato veramente perplessa è quella del punto interrogativo alla fine..purtroppo il cervello e, più in generale la mente umana, è troppo difficile da studiare perchè si diversifica da persona a persona...oggi grazie a molti studiosi sappiamo dare dei nomi a malattie mentali...ma non credo che se tra cento anni qualcuno farà un altro video del genere riuscirà a porre un punto allo studio del cervello..

Grazia said...

Secondo me il video col passare degli anni diventerà ancora più lungo e ricco proprio perchè l'uomo, essere dotato di cervello, macchina che si può definire LA più fine del mondo,non sarà(e non deve essere)mai sazio di conoscenza e continuerà la sua ricerca ed evoluzione fisica e mentale. A tal ultimo proposito mi viene in mente una frase appresa nel corso degli studi di filosofia al liceo e che non dovrebbe essere mai dimenticata: "So di non sapere"(Socrate).
Nonostante i progressi che si faranno però penso che lo studio sul cervello non avrà mai fine perchè attraverso questo, secondo me, l'uomo cerca di dare risposta a temi quali la coscienza, la personalità,l'io, cioè a temi che trascendono la materialità.

M.Fiamingo said...

Concordo pienamente con s.ribis e grazia sull'ultimo loro intervento.

D.d'Aleo said...

La spinta dell'uomo verso l'assidua ricerca del funzionamento fisico di tale organo deriva dalla sua continua esigenza di comprendere e di dominare l'ambiente che lo circonda e, ancor di più, l'infinito mondo interiore che lo caratterizza.